costume e societàCultura e TurismoFormazione e Ricerca

CON IL “CUORE TRA LE MANI ” PER SOSTENERE LE FAMIGLIE DURANTE LA PANDEMIA

Di Redazione. Arte e poesia si intrecciano per esprime solidarietà in uno dei periodi più tristi della nostra storia. Tutto è cambiato. Nulla tornerà come prima. In questo periodo di transizione e di adattamento alle nuove condizioni,  sono tante le iniziative sociali che hanno voluto  umanizzare ogni gesto. Tra i progetti che hanno sensibilizzato l’opinione pubblica la campagna nazionale “Andrà tutto bene”.

Il progetto realizzato in accordo con Il MIUR e l’UNICEF, dedicato all’emergenza COVID 19, ha voluto sostenere le famiglie in questo momento così difficile, ma anche sviluppare negli studenti e nelle nuove generazioni forme alternative di comunicazione sociale. Tra le numerosissime iniziative che si sono distinte, pubblicate sul sito dell’UNICEF, l’opera artistica “Il cuore tra le mani”

realizzata dall’alunna Maristella Genovese, ( IV B Istituto L. Capuana di Barcellona Pozzo di Gotto), che ha anche interpretato la poesia “ Tu anima che emozioni”, scritta dalla giornalista  Katia La Rosa. Un toccante contributo offerto alla campagna nazionale “Andrà tutto bene”. “Comunicare le emozioni in un momento in cui è stato imposto il distanziamento sociale – ha dichiarato la giornalista dott.ssa Katia La Rosa – ha sicuramente contribuito a rafforzare il significato dei contenuti”.   Il “tempo del Coronavirus” ha dato vita a profondi cambiamenti nei rapporti di socializzazione, adattiamoci alla nuova era con senso di umanità”.

 

 

Katia La Rosa autore della poesia “Tu anima che emozioni”

Tu anima che emozioni 

Morte e amore,
lutto e gioia al cuore.
Mentre la pandemia ruba vite,
impariamo a restituire emozioni infinite.
Questo è il futuro che ci aspetterà.
L’uomo possa riconquistare quel perduto senso dell’umanità.
Vedere senza guardare.
Sentire senza toccare.
Basta poco, tu anima che emozioni.
L’ amore è dentro di noi per gioire
L’ amore è dentro di noi per non morire 

Di Katia La Rosa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *