sabato, Maggio 21, 2022
spot_img

MUORE A 90 ANNI VOLCIC, STORICO CORRISPONDENTE RAI DA MOSCA

Di redazione.  Nato a Lubiana, Volcic è stato per anni il volto dei collegamenti dei telegiornali Rai dai Paesi dell’Est, da Praga, poi Vienna, Bonn e in particolare da Mosca, allora capitale dell’Unione Sovietica. In Rai dal 1956, Volcic fu corrispondente dall’estero dal 1968 fino al 1993. Poi per meno di un anno, fino al 1994, diresse il Tg1.

Volcic direttore per caso, ma fu bello

La politica era finita nell’angolo per lo scandalo P2, in Rai fu la breve stagione dei ‘professori’, e la Rai cercò riparo nel professionista indiscusso e senza appartenenze. Ma fu virtù breve. Con la vittoria elettorale di Berlusconi e al Tg1 arriva la mondanità distraente della direzione Rossella. Volcic, conclusa la carriera giornalistica nel 1996, è stato senatore dell’Ulivo tra il 1997 e il 2001, e poi al Parlamento europeo tra il 1999 e il 2004.

Tanti libri pensati in tante lingue

Tra i suoi tanti libri «Mosca, I giorni della fine», «Sarajevo. Quando la storia uccide», «Est. Andata e ritorni nei Paesi ex-comunisti». «Il piccolo zar, 1956», «Krusciov contro Stalin» e «1968, L’autunno di Praga». Così Volcic raccontava il mondo oltre la cortina di ferro, dove ha vissuto per molti anni anche nei periodi più difficili della Guerra Fredda, e dove si è sempre distinto per lo stile sobrio della narrazione dei fatti che raccontava agli italiani attraverso i collegamenti con i tg e i gr della Rai. (da remocontro ) 

IN EVIDENZA

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
3,319FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

ULTIMI ARTICOLI